Federazione Coldiretti Venezia

Ricerca nel sito Coldiretti:


Area Riservata:

Utente

Password

Home > Struttura > Federpensionati

Federpensionati

Vi Segnaliamo

Iniziative

Gita Pensionati

RICORDO DI BARBANA

In questo periodo in cui le giornate si fanno più corte e più fredde diventa ancora più piacevole ricordare la lunga, soleggiata e, soprattutto, calda giornata trascorsa dai pensionati del Movimento di San Donà di Piave in quel di Grado e isola di Barbana (Udine).
Lo scorso 14 luglio infatti un centinaio fra pensionati e loro familiari e amici, distribuiti in due pullman e guidati dal Presidente del Movimento pensionati Vincenzo Menegaldo e dal segretario di zona Paolo Bardellotto, accompagnati dalle  rispettive famiglie, si sono recati in gita all’isola di Barbana, bellissima isoletta posta all’estremità orientale della laguna di Grado, sede di un antico Santuario Mariano, abitata in modo stabile da una Comunità di Frati minori Francescani.
Partiti di buon mattino alla volta di Grado, dopo una sosta e un abbondante spuntino a base di pane e salame (come si usa  dalle nostre parti) l’arrivo a Grado per l’imbarco in battello (con posti a sedere riservati) per l’isola di Barbana.
Piacevolissimo, nonostante la calura, il tragitto in battello verso  l’isola che, circondata da un piccolo bosco di pini marittimi, bagolari, magnolie, olmi e cipressi, che ne coprono più di metà della superficie, è subito apparsa  un’oasi di pace e tranquillità.
Sull’isola la visita guidata all’omonimo Santuario dedicato alla Santa  Vergine, la partecipazione alla Santa Messa, officiata  dall’Arcivescovo di Cremona, giunto per l’occasione nell’isola, il quale ci ha anche  impartito la Benedizione solenne.
Quindi il reimbarco per Grado per il pranzo, a base di ottimo pesce, in  un ristorante locale.
A seguire la visita guidata al Centro storico di Grado e alle sue antichissime Chiese Paleocristiane nonché passeggiata nell’elegante  lungomare.
Nel pomeriggio trasferimento  a Strassoldo,  antico  borgo medioevale, da più di mille anni di proprietà della stessa famiglia che ancora vi abita, borgo molto caratteristico e in ottimo stato di conservazione.
In serata il rientro, preceduto da quella che doveva essere una breve sosta per uno spuntino ma che si è invece rivelata una vera e propria cena peraltro allietata da musica e canti.
E’ stata una giornata, a detta di tutti, intensa e piacevolissima, ma è stata soprattutto l’occasione per dimenticare, almeno per un giorno, i problemi del quotidiano, per rinsaldare i rapporti umani e le amicizie e per vivere dei momenti in assoluta serenità.
Approfitto per ringraziare, di cuore,  tutte le persone  (e sono tante) che hanno collaborato e si sono prodigate per la riuscitissima gita.

Paolo Bardellotto

 

Tour Provinciale in Sardegna

 Il viaggio annuale dei pensionati coldiretti ha avuto come meta la Sardegna con partenza il 3 Ottobre in autobus GT da Mestre a Bologna e quindi in aereo con arrivo ad Olbia. Qui ci ha raggiunto la guida che ci ha accompagnato per tutte le quattro giornate: intense, piacevoli e straordinariamente interessanti anche grazie alla sua esperienza ed ad uno splendido sole estivo.


Da Olbia attraverso un paesaggio tipico della macchia mediterranea con rocce emergenti nelle varie forme plasmate anticamente dalle acque marine siamo giunti a S. Teresa di Gallura con visita all’antica città da cui si poteva ammirare la veduta marina fino alle coste della Corsica. Il nostro viaggio prosegue verso Castelsardo e Alghero dove per due giorni abbiamo alloggiato in un albergo che offriva una bellissima veduta sul porto e sulle bellezze antiche della città.
La successiva tappa ci cha condotti alle variopinte Grotte di Nettuno attraverso la traghettata che ci ha mostrato l’imponente massiccio di pietra calcarea di Capocaccia, superba rocciosità che emerge dall’acqua cristallina.
Nel nostro percorso da Alghero a Orgosolo attraverso la terra dei sugheri siamo giunti al Complesso Nuragico di Santu Antine dove abbiamo visitato una di queste tipiche costruzioni, perfetta opera di ingegneria, risalente a migliaia di anni fa.
Attraverso i suoi articolati corridoi, scale, atrii e stanze adibite ad abitazioni, luoghi di culto e anche di difesa abbiamo ripercorso parte della storia di questo paese, ma il nostro incanto non è finito qui. Tra le mura del museo di Nuoro attraverso antichi monili, vestiti cerimoniosi, pizzi e merletti ci siamo ricondotti al folclore di questa terra e alla sua arte.
Altra punta di diamante è stato il viaggio in traghetto per l’arcipelago de La Maddalena in un mare stupendo da cui emergevano massi levigati che rendevano unico quello spettacolo. Il nostro giro dell’isola è terminato con la visita alla casamuseo di Garibaldi, a Caprera, niente di più intonato con il nostro centenario dell’unità d’Italia e il tour in trenino a Porto Cervo sulla Costa Smeralda.
Ultima meraviglia il pranzo ad Orgosolo, terra della barbagia immersa nella macchia mediterranea dove alla tipicità degli alimenti gustosissimi provenienti dalla pastorizia sarda assaporati sulle tipiche panchine si è aggiunta la visita amichevole del nucleo coldiretti sardi con la presenza del direttore Epaca, della presidente dei pensionati Sig.ra Maria Luisa Pinna intervenuta con ottimi dolcetti da lei preparati, il vino e la grappa di sua produzione.



 In questo luogo meraviglioso ci ha portato i suoi saluti l’ex direttore Saba rivisto con grandissimo piacere e tra un bel canto e una bella” tarantella” in questo angolo allegorico insieme a tanti amici ho festeggiato con mio marito il 45° anno di matrimonio.
Ringraziamo quindi della bella riuscita di questo viaggio il nostro direttore Epaca Casaro Paolo, il presidente Giovanni Cassandro tutto il nucleo coldiretti sardi intervenuto e tutti i partecipanti.


 
Pensionati sempre giovani
 
 
Quest’anno non è bastata la sala riunioni che di consuetudine veniva utilizzata per l’assemblea dei pensionati, ma ci è voluta una sala ben più grande per contenere tutti i partecipanti!
Il 1 dicembre dunque è diventato un appuntamento consolidato per i Pensionati che in occasione dell’assemblea provinciale, presso il Centro Cardinal Urbani celebrano la Festa del Pensionato Veneziano.
Dopo la Santa Messa celebrata da Don Marco De Rossi, il consigliere ecclesiastico di Coldiretti Venezia, si è svolto un momento di riflessione.
Presenti Marco Chiesa nella prima uscita nelle vesti di direttore Coldiretti Venezia, il presidente Giorgio Piazza, il presidente dei Pensionati Giovanni Cassandro , la consigliera nazionale Luigina Pavanello, il direttore Epaca di Venezia Paolo Casaro, il segretario Nazionale Federpensionati, Danilo Elia.



E’ sempre molto atteso l’intervento del Presidente Giorgio Piazza che in quest’occasione ha parlato del progetto di Coldiretti, di come esso stia diventando sempre più una realtà socio economica importante che interessa gli agricoltori ma in generale la società civile. I farmer’s market e le Botteghe di Campagna Amica- ha affermato il presidente Piazza- probabilmente non rappresentano la soluzione per tutti i nostri associati ma hanno determinato una svolta per coloro che hanno intrapreso questa strada e per il consumatore che finalmente pretende di conoscere l’origine dei prodotti. Il progetto di Coldiretti ha generato una richiesta di QUALITA’ dell’alimentazione e quindi della salute, tanto che anche colossi dell’agroalimentare hanno cominciato a ripensare alle logiche di produzione, approvvigionamento e comunicazione della materia prima.
Il nostro progetto “Per una filiera agricola tutta italiana” incalza il neo direttore Marco Chiesa sta ottenendo successo nella società e deve essere sempre più condiviso dai nostri associati perchè il cambiamento sia sempre più concreto per il mondo agricolo. Coldiretti Venezia sarà sempre più concentrata su questo obiettivo sapendo di trovare una grande disponibilità e sensibilità dalla base a partire da Federpensionati  che è un movimento effervescente di iniziative da cui i giovani hanno sicuramente un grande esempio e da cui dovrebbero prendere “il testimone”. In merito al collegamento delle iniziative di giovani e donne impresa e federpensionati, Luigina Pavanello, consigliera nazionale, ritiene sia necessario sempre più creare gruppo unito per acquisire una maggiore considerazione politica e sociale rispetto la realtà, le problematiche, le iniziative  del settore.
Durante l’Assemblea Antonio Saluzzi di Green Assicurazioni ha presentato la Polizza Infortuni (per maggiori informazioni wwwcoldirettivenezia.it), un’ottima opportunità derivata da un accordo con Fata Assicurazioni  per gli iscritti di Federpensionati, che continuano a lavorare nella propria azienda sempre anche se in pensione.
Dopo i saluti e i ringraziamenti per il lavoro svolto dai Pensionati durante l’anno da parte del Presidente Giovanni Cassandro, il segretario nazionale Danilo Elia sempre puntualmente presente all’ all’assemblea annuale  dei Pensionati Veneziani da’ un resoconto su quanto l’associazione si stia battendo affinché vi sia una maggiore equità sociale, in particolare urge un piano nazionale per dare una garanzia a  chi non è autosufficiente, premiando le famiglie che si prendono cura degli anziani, nel mondo agricolo sono molte…
Ma questo è solo un esempio, una tessera di un mosaico molto più ampio su cui negli anni futuri dovremmo mettere mano.
La mattinata si conclude in allegra compagnia con il pranzo e una ricchissima nonché partecipata lotteria